La “dittatura del presente” e l’idealità perduta. Riflessioni in dialogo con Gustavo Zagrebelsky

martedì, aprile 22, 2014
By

Poche parole, accese e nette, di critica di metodo e di merito del programma di riforme (e del modo in cui ci si è arrivati) che dovrebbe fare dell’attuale governo un “governo costituente”. Pubblicate sul sito di “Libertà e giustizia”. Vi hanno aderito costituzionalisti di grande rilievo e molti altri cittadini. Perché ha sollevato tanta riprovazione e tanta irritazione, al punto che non si sono lesinate parole sprezzanti e toni ultimativi?
Perché quelle parole implicavano un “discorso sui fini”. Non l’accettazione passiva del discorso sui mezzi, che va sotto le etichette di “governabilità” e “stabilità”, ma la messa in questione dei fini (governabilità di cosa e per cosa?). E non va bene. E’ contro la “dittatura del presente”. Gustavo Zagrebelsky sembrava già prevedere gli episodi di intolleranza alla critica che sarebbero seguiti, e che del resto permeano il dibattito pubblico italiano, quando scriveva la breve, serrata meditazione Contro la dittatura del presente – Perché è necessario un discorso sui fini (Laterza – La Repubblica, aprile 2014).
Vi si legge un’articolata risposta in 11 punti o brevi capitoli, corredata da alcuni testi da Platone, Aristotele, Norberto Bobbio, Tzvetan Todorov, Pierre Rosanvallon, Luciano Canfora e Marc Augé, oltre a una raccolta di dati “I numeri della post-democrazia” e a una “Cronologia degli ultimatum” a cura di Giulio Azzolini).
La lettura che ve ne propongo è un dialogo con questo testo vivido e lucido, più che una recensione neutra.

(continua a leggere l’articolo di Roberta De Monticelli sul sito di Libertà e Giustizia)

 

Tags: , , ,

Un commento a La “dittatura del presente” e l’idealità perduta. Riflessioni in dialogo con Gustavo Zagrebelsky

  1. Stefano Cardini
    giovedì, aprile 24, 2014 at 06:29

    Mi scuso con quanti non troveranno più alcuni commenti fatti in risposta a Domenico Felice, ma l’Autore ha richiesto siano rimossi i propri contributi dal sito e, di conseguenza, ho dovuto rimuovere anche le repliche, giacché altrimenti sarebbero parse prive di senso. Stefano Cardini, moderatore Phenomenology Lab

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*