Maratona per la Costituzione d’Europa – di Roberta De Monticelli e Maurizio Olivieri

giovedì, luglio 2, 2015
By

E’ davvero triste, nel drammatico contesto internazionale di oggi, constatare la sempre più grande distanza fra l’ideale federalista di Altiero Spinelli e lo stato attuale dell’Europa delle nazioni.

Nel processo di costruzione dell’UE due visioni si confrontarono fin dall’inizio: quella federalista che avrebbe voluto la costruzione degli Stati Uniti d’Europa seguendo l’esempio degli Stati Uniti d’America e quella funzionalista che pensava che una progressiva integrazione economica fra gli stati europei avrebbe messo in moto un ingranaggio lento ma inarrestabile, il cui funzionamento avrebbe automaticamente prodotto, in un futuro indefinito ma certo, la loro integrazione politica. Vinse la visione funzionalista che ha promosso un processo di costruzione di una Unione Europea basata su Trattati tra  stati membri riluttanti a cedere sovranità. Quando furono create le prime istituzioni europee, l’obiettivo strategico di Spinelli diventò il conferimento del mandato costituzionale agli organi parlamentari, che costituivano un aspetto significativo di tali istituzioni. Sulla base di tale strategia costituzionale, Spinelli riuscì per due volte a portare l’Europa sulla soglia dell’unione federale. La prima volta, cercò di collocare l’esercito europeo (durante la fase di costruzione tra il 1951 e il 1954) sotto il controllo di un potere politico europeo. La seconda volta, nel 1984, quando era deputato del Parlamento europeo, ci riprovò di nuovo con il Trattato dell’Unione Europea. In entrambi i casi, fu un organo parlamentare (l’Assemblea allargata della Comunità europea del carbone e dell’acciaio e il Parlamento europeo) a elaborare il documento costituzionale. E in entrambi i casi, il progetto costituzionale fu sconfitto da un solo governo: la Francia nel primo caso, il Regno Unito nel secondo. Un calcolo approssimativo mostra che circa i due terzi delle disposizioni innovative del Trattato Spinelli sono state recepite nei Trattati successivi. Da qui la proposta di una rilettura del Trattato del 1984 per valutarne lungimiranza e attualità, verificare quanto è stato realizzato e quanto c’è ancora da fare e se possibile completarne attuazione.

La maggiore preoccupazione circa il federalismo riguarda la perdita della sovranità nazionale.

Eppure, spinta proprio dalla gravità della crisi, l’Ue va scoprendosi comunità di destino quale non è stata mai. Per avere senso, la sovranità deve riferirsi a  un reale controllo sugli affari della nazione. Non si può cedere qualcosa che già si è perduto. Vere democrazie che siano esclusivamente interne ai singoli stati – soprattutto quelli europei – , oggi, non sono più possibili. Altiero Spinelli uomo visionario, eppure profondamente realista, lo vide settant’anni fa. Chi ne dubita vada a rileggersi passi come questo: “…oggi lottare per la democrazia significa rendersi anzitutto conto che occorre arrestare questa insensata corsa, non solo italiana, ma europea, verso una società polarizzata in interessi organizzati che si precipitano sullo Stato e lo paralizzano quando sono in equilibrio, e ne rafforzano sempre più il carattere dispotico, quando un gruppo o una coalizione di gruppi ha potuto sopraffare l’avversario e prendere il potere…”

Molto volentieri diffondiamo quindi l’iniziativa congiunta del Movimento Europeo e di Libertà e Giustizia – che speriamo possa coinvolgere, anche attraverso il nostro Lab, quanti più possibili docenti e allievi delle scuole italiane.

Movimento Europeo e Libertà e Giustizia promuovono la “Maratona per la Costituzione d’Europa” con l’obbiettivo di creare comunità territoriali per riflettere sui e diffondere i principi e valori  che dovevano fare e solo in parte hanno fatto dell’Europa un modello di civiltà.
Leggi qui una descrizione della maratona: http://www.legroma.osservatoriodeilaici.com/wpress_it_IT_292XXL/maratona-per-la-costituzione-deuropa/
Molti circoli di LeG stanno dimostrando interesse e prendendo contatti con scuole per proporre loro incontri-eventi. La Maratona è un contenitore che aggrega in un unico programma tutti gli eventi ed incontri che ogni comunità organizza nel proprio territorio e, solo in seconda battuta e per chi liberamente lo sceglie, può contribuire alla raccolta firme per un appello al Parlamento Europeo perché assuma un ruolo costituente.
Firma l’appello qui: http://www.legroma.osservatoriodeilaici.com/wpress_it_IT_292XXL/appello-per-la-costituzione-deuropa/

Tags: , , ,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*