Il sapere dei sentimenti. Vanna Iori e Daniele Bruzzone riflettono sullo statuto della vita emotiva

giovedì, 18 Giugno, 2009
By

fran1930_1Ha inaugurato Vita emotiva e formazione, la neonata collana di Franco Angeli già capace di vantare un comitato scientifico di tutto rispetto, dal teoreta dell’Università di Milano Bicocca Salvatore Natoli ai fenomenologi Vincenzo Costa e Roberta De Monticelli. Stiamo parlando de Il sapere dei sentimenti. Fenomenologia e senso dell’esperienza (Franco Angeli, Milano 2009, pp. 140, 15€): testo che ha il merito di condensare in poco più di un centinaio di pagine cinque diverse prospettive sul ruolo dei sentimenti e sullo statuto filosofico che li definisce, sulla loro rilevanza antropologica e sul loro impatto in ambito terapeutico.

Vanna Iori, ordinario di Pedagogia generale alla Cattolica di Milano, e la sua équipe (di cui fanno parte Daniele Bruzzone, Elisabetta Musi, Alessandra Augelli e Chiara Sità) mirano infatti a indicare «un orizzonte epistemologico e metodologico che offra strumenti per esplorare i temi della vita emotiva, nominarli, dare loro voce e tradurli in pratica, atteggiamenti e gesti di cura». Sono, in altri termini, animati dalla convinzione che una buona prassi debba avere necessariamente alle spalle una buona teoria, e ritengono che un paziente excursus attraverso le ragioni della filosofia possa dimostrarsi sorprendentemente efficace per descrivere, definire e quindi curare le patologie legate alla vita emotiva.

Corredato da preziose sintesi critiche e da brani tratti dai classici di filosofia e letteratura, Il sapere dei sentimenti propone quindi un insolito percorso attraverso la storia critica di un idea, quella di sentimento, le sue apparenti contraddizioni e le sue ancora inespresse potenzialità. Da Rilke a Calvino, da Sacks a von Hofmannstahl a Baudelaire a Baricco: voci diverse per raccontare come l’uomo sente, e per provare a spiegare perché per lui il sentire è primario.

Dall’ignoranza del sentire a un sapere del sentire la strada è lunga: citando Rollo May, Daniele Bruzzone ammette che si dice «io sento» come sinonimo di «io credo vagamente» quando «ancora non si sa… che non possiamo conoscere se non sentendo». E sceglie Husserl ma anche L’ordine del cuore. Etica e teoria del sentire di De Monticelli per spiegare perché del sentire si debba, più che si possa, dare un sapere.

(Lodovica Maria Zanet)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*