Chi è il pinzochero?

mercoledì, febbraio 8, 2012
By
politicamentecorretto.com 4 febbraio 2012

Mi chiedo: chi è il pinzochero del San Raffaele che censura?

Insomma, la filosofa Roberta De Monticelli, che apprezza molto le mie letterine “al fosforo” (così le ha definite), mi invita cortesemente a pubblicarne sul sito Phenomenology Lab del Centro di ricerca in fenomenologia e scienze della persona, dell’Università Vita -Salute San Raffaele di Milano. Pubblico una prima lettera inviata precedentemente a Avvenire, intitolata “Aiuti del Comune di Milano alle coppie di fatto”,  ed è ancora lì sul sito. Ne pubblico un’altra per ben due volte dal titolo “Preghiera a due Madonne”, appare per un giorno e poi viene eliminata. Per rendersene conto basta cercarla su Google, dove ancora compare il titolo (solo il titolo). Mi chiedo: chi è il pinzochero del San Raffaele che censura?

Miriam Della Croce

P:S. Questa era la letterina:

L’Espresso 4 febbraio 2012

Le Madonne di Paolo Brosio

Non si offenderà la Madonna di Medjugorje? In questo mese ricorre l’anniversario delle prime apparizioni della Madonna di Lourdes, e che fa il giornalista Paolo Brosio innamorato della Madonna di Medjugorje? Tradisce questa, e vola a Lourdes in pellegrinaggio, annunciando sul suo sito lo straordinario evento, e invitando i “cari amici lettori” e i “cari amici pellegrini” a partire con lui dal 9 al 13 febbraio. Cara Madonna di Lourdes e cara Madonna di Medjugorje perché non date una piccola punizione al Brosio, che passa disinvoltamente da una Madonna all’altra? Prima che tanti poveri malati affrontino disagi e spese in questo periodo di crisi economica e climatica, perché non vi recate voi da loro? Ci pensate che bello per i bimbi malati di cancro negli ospedali avere il vostro conforto e magari (non si sa mai) anche una guarigione? Così il Brosio Paolo, che con sconcertante presunzione si dichiara miracolato da voi, capirà che una mamma amorevole non aspetta che un figlio malato si rechi con difficoltà da lei, ma è lei a correre da lui. Vi prego, care Madonne, date questa piccola lezione al presuntuosetto.

Miriam Della Croce

6 commenti a Chi è il pinzochero?

  1. Miriam Della Croce
    mercoledì, febbraio 8, 2012 at 14:37

    Vuoi vedere che il baciapile interviene nuovamente?

  2. Stefano Cardini
    mercoledì, febbraio 8, 2012 at 15:40

    Gentile Miriam Della Croce, devo dire che è la prima volta nella mia vita in cui vengo definito “baciapile” ;-) E chi mi conosce non fatica a immaginare perché la cosa mi abbia divertito moltissimo. In realtà è mia la manina che ha “censurato” le sue letterine. Avevo intenzione di scriverle per dare conto della mia decisione, ma ho tardato e me ne scuso. La ragione è che, salvo quella inviata ad Avvenire, puntualmente pubblicata, le altre mi sembravano un po’ fuori tema, soprattutto se inviate a raffica e come post invece che come commenti (rispetto ai quali siamo più elastici). È vero che il blog è aperto e che non abbiamo timore di confrontarci su temi d’attualità, ma siamo pur sempre una community di persone principalmente interessate alla fenomenologia e alle scienze cognitive. Con tutto il rispetto per le sue letterine, quindi, mi pare che una eventuale polemica attorno a Paolo Brosio e ai rapporti che eventualmente intrattiene con la Madonna di Medjugorje o qualsivoglia altra Madonna, meritino contesti più adeguati del nostro. Ogni suo altro contributo, più pertinente, sarà bene accetto. E per dimostrarle le nostre buone intenzioni, per questa volta lasciamo il suo post disponibile, con i commenti relativi.

    P.S. Credo che si scriva “pizzocchero”, comunque, nel caso ci si riferisca all’apprezzabilissimo piatto valtellinese.

  3. Miriam Della Croce
    mercoledì, febbraio 8, 2012 at 19:44

    Gentilissimo Stefano Cardini, io non seguo il Phenomenology Lab e quindi non so se le mie letterine siano in tema oppure no. Il fatto è che già molto tempo fa Roberta De Monticelli più di una volta m’invitò a pubblicare sul vostro blog. Poi, ultimamente, è stata lei stessa a pubblicare una mia lettera dal contenuto non molto diverso da quella da lei tranquillamente censurata. Mi sono fidata della De Monticelli. Vuol dire che adesso mi fiderò di Stefano Cardini, e non pubblicherò più sul vostro blog. Va bene?

    P.S. Guardi che pinzochero, si scrive proprio pinzochero, ed è un sinonimo poco comune di bacchettone, bigotto, baciapile, beghino… Così adesso si divertirà ancora un po’.

  4. giovedì, febbraio 9, 2012 at 00:12

    Si fidi di Stefano Cardini, certamente.
    Un attimo di leggerezza, una tranquilla risata, è una cosa. Ne sono “colpevole”, e in quell’attimo di divertita leggerezza l’ho deviata qui. Altra cosa è accusare – senza sapere dove si è ospitati e con chi si parla – di bigottismo o bacchettonismo il proprio ignaro e gentilissimo ospite, che ha ragione da vendere se poi si stufa di vedere le madonne di gesso o di Medjugorie allargarsi troppo! Allora passa proprio la voglia di ridere, anche a me.

  5. Miriam Della Croce
    giovedì, febbraio 9, 2012 at 14:49

    Gentile professoressa Roberta De Monticelli, mi spiace davvero d’averla indotta a giustificarsi per avermi deviato incautamente su questo luogo sacro, che incautamente ho contaminato. “Attimo di leggerezza” ? “Tranquilla risata?”. Ma non sono sue le parole che seguono?
    “Caro – che bella sorpresa. Mi fa piacere conoscerla nelle sue molte identità, che tutte manifestano in effetti l’unità di una mente e di una logica. Perfetta, come questa piccola lezione appunto di logica elementare che vorrei far girare fra i miei studenti” (3 maggio 2011, ore 14,28).
    “Caro amico , sono perfettamente d’accordo con lei. Su base teologica, scritturistica e filosofica” (31 maggio 2011 – ore 13,17).
    “Ma, caro, lei ha certamente ragione: forse io provo a prendere il vangelo più sul serio di lei?” (14 settembre 2011 – ore 23, 57).
    “E la prossima volta metta lei stesso un post, uno dei suoi al fosforo, così” (28 gennaio, ore 22,22).

    Vede, cara professoressa, se ho protestato garbatamente per la censura non solo alla mia ultima lettera, ma anche ad altre due precedenti, l’ho fatto semplicemente per una questione di principio. Infatti, dopo aver pubblicato tre libri, letti da pochissimi, e un migliaio di lettere sui principali quotidiani e riviste, Micromega compresa, lette da moltissimi, non sento la necessità di pubblicare sul vostro blog. Solo per non essere scortese ho accolto il suo reiterato invito. Tutto qua.

    Capisco il signor Cardini, il quale non conoscendomi, non ha colto il sarcasmo e l’ironia del mio breve scritto, che affronta un problema gravissimo davvero inconcepibile nel terzo millennio. Capisco meno il suo cambiamento. Ma così va il mondo. Questo povero mondo.

    Ovviamente questo è l’utlimo mio scritto su questo blog.

  6. Stefano Cardini
    giovedì, febbraio 9, 2012 at 17:58

    Eh sì, il mondo va così. Fossi in lei, però, eviterei di rendere pubblica la corrispondenza altrui decontestualizzata, cara Miriam. Ci sono ancora due o tre regolette e norme di diritto che sarebbe bene tenere a mente quando si scrive, qui o altrove… Ma sono clemente. Dunque amen.

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*