Mobilità dei docenti italiani: fine dei luoghi comuni

domenica, ottobre 11, 2009
By

All’inizio di ogni anno scolastico ben un docente su quattro non lavora più nella scuola dove lavorava l’anno precedente, pregiudicando così significativamente la continuità didattica. E nella stragrande maggioranza dei casi la mobilità non è dettata dalla volontà degli insegnanti, ma dai meccanismi di assegnazione delle cattedre. Con una sorpresa ulteriore: con buona pace di chi vorrebbe far precipitare anche la scuola nel gorgo rivendicazionista delle presunte minacciate identità locali, la mobilità riguarda per oltre il 95% dei casi trasferimenti all’interno della stessa regione. Queste sono soltanto alcune delle notizie che emergono da uno studio, presentato il 9 ottobre scorso, della Fondazione Giovanni Agnelli, condotto a partire dai dati del Miur relativi agli anni scolastici 2007-2010, e parte del Rapporto sulla scuola in Italia 2010 che uscirà all’inizio del prossimo anno per gli Editori Laterza. Non perdete l’appuntamento.

Sul tema, è disponibile una sintesi, con grafici e tabelle, sul sito della Fondazione.

Tags: ,

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


*